Promuovere un evento sui social network: 6 errori da evitare

Promuovere un evento sui social network: 6 errori da evitare


Stai organizzando un evento importante e, per essere sicuro di farlo nel modo giusto, tieni sotto controllo le azioni dei tuoi competitor. Scopri quindi che loro si muovono agilmente tra i social network, mentre tu non hai neanche un account. Decidi di aprirlo subito.

Parti da Facebook perché ci sono tutti e aggiungi Twitter perché è da intellettuali. Inizi a seguire a random le pagine/profili di chi tratta più o meno i tuoi stessi argomenti, pubblichi qualche curiosità sul tuo evento, menzioni personaggi importanti o quotidiani locali e aspetti. Aspetti e non succede nulla.

Non aumentano i like, non aumentano i follower, nessuno ti menziona, nessuno commenta. Perché con gli altri eventi funziona e con il tuo no?

Promuovere un evento sui social network non è così semplice come sembra. Ecco una piccola guida per evitare i 6 errori più comuni della promozione sul web.

1. Non hai un obiettivo

O meglio, hai l’obiettivo di essere notato e seguito, ma come lo raggiungi?
Sicuramente andare a tentativi è una perdita di tempo. Meglio se ti siedi alla scrivania, prendi carta e penna e inizi a riflettere. Quale evento voglio promuovere? Perché? Qual è lo scopo dell’evento? Qual è il messaggio che deve arrivare al pubblico? Come voglio che reagiscano i miei fan? Stabilisci tanti micro obiettivi che, sommati insieme, portino al tuo grande obiettivo finale. Rimani concentrato e arriverai alla meta!

2. Non sai con chi stai parlando

Uno degli errori più comuni del promuovere un evento sui social network è quello di non identificare il tipo di cliente a cui ci rivolgiamo. Chi è? Uomo? Donna? Giovane? Vecchio? Attivo? Pigro? Difficile rivolgersi a qualcuno che non conosciamo. Riprendi carta e penna e inizia a scrivere chi è il tuo cliente ideale (buyer personas) e cosa puoi fare per lui/lei. Una volta stabilito, sarà più facile capire quale social network utilizza e come conquistarlo.

3. Non hai un piano editoriale

Finalmente hai cinque minuti da dedicare ai social network, così inizi a pubblicare velocemente un aggiornamento dietro all’altro: il programma dell’evento, alcune foto, piccole curiosità, domande, giochi… Dovrebbero bastare fino alla prossima volta, no?
Ora mettiti nei panni dei tuoi lettori. Vedono la tua pagina ferma da giorni, poi improvvisamente vengono inondati da decine di messaggi pubblicati in un colpo solo. Quindi nuovamente il silenzio. E i lettori, giustamente, scappano.
Pianificare un calendario editoriale ti aiuterà a diluire i contenuti nel tempo, a pubblicare costantemente in modo da mantenere vivo l’interesse dei tuoi fan e a capire quando hai bisogno di nuove storie da raccontare. Non è necessario dire tutto subito, puoi farlo anche ogni due giorni o una volta a settimana. L’importante è che diventi un’abitudine per te e per i tuoi utenti.

4. Scegli il social network sbagliato

Una volta una collega mi ha chiesto come caricare un album fotografico su Twitter. Un po’ come voler nuotare con i moonboot.
Ogni social network ha il suo scopo e il suo pubblico: Twitter è perfetto per brevi aggiornamenti, Instagram è l’ideale per una diretta fotografica, Pinterest è il regno delle immagini di qualità e Facebook è utile per condividere foto, video e racconti.
Prima di iniziare a pubblicare pensa a ciò che stai per comunicare. Nel dubbio, guardati in giro e osserva cosa scrivono gli altri e come reagiscono i fan.
Ovviamente, con una buona strategia alle spalle, puoi anche valutare di utilizzare più social network contemporaneamente. L’importante è ricordarsi sempre di pubblicare le notizie adattandole ai canali scelti. Hai capito il meccanismo? Ora tocca a te!

5. Non ascolti

Ti ostini a offrire la tua meravigliosa torta di mele a persone che chiedono una semplice limonata. Come te ne accorgi? Ascoltando ciò che dicono i tuoi fan. Cercali sui social network, utilizza gli strumenti di ricerca per scoprire chi vuole una fetta di torta alle mele e preparati a offrirgliela. E se dicono che la tua torta è troppo zuccherata? Interagisci con loro e cerca di capire come migliorare. I fan possono rivelarsi un’ottima risorsa.

6. Vuoi tutto e subito

Ma come, sei su Facebook da ben tre giorni e ancora la tua pagina non ha raggiunto 1000 fan? Tranquillo, a meno che il tuo evento non sia già conosciuto in tutto il mondo, è normale.
Sui social network i risultati non sono mai immediati. Aspettarti troppo e troppo presto è sbagliato. Quindi armati di pazienza, del tuo calendario editoriale e porta avanti la tua programmazione con costanza. Dedica un po’ di tempo, ogni giorno, all’interazione con i fan. Coinvolgili in modo da trasformarli in testimonial e i risultati arriveranno.

Ora promuovere un evento sui social network sembra quasi più semplice.
L’errore che io ho rischiato di compiere più spesso? Il numero 2, ma ho anche imparato che sparare nel mucchio non serve a niente. E tu quale errore commetti più frequentemente?

Image source: Stackla | William Iven

Salva

Salva

Salva


Leggi anche...